di
In sella ad una Vespa in direzione monte Kinabalu

foto © 2015

Il Borneo è una quelle mete che lascia il segno. Da sempre nei miei pensieri come meta selvaggia e inospitale, si è recentemente rivelato un paradiso a cielo aperto dalle mille sorprese. Me ne sono ufficialmente innamorato!

Dopo aver viaggiato per alcuni giorni attraverso la penisola malese, verso la metà di Aprile sono atterrato a Kota Kinabalu, la capitale dello stato federale del Sabah. Qui ho subito fatto conoscenza con una fantastica coppia di ragazzi provenienti dall’Australia e dal Regno Unito ormai in viaggio da svariati mesi ed in procinto di andarsene da questo paradiso naturale. Ascoltare tutte le loro storie ed esperienze è stato un vero piacere. Lui amante dei viaggi in moto tanto quanto lo sono io, mi disse che nei giorni precedenti, in sella ad una Vespa Piaggio, ha percorso le strade del Crocker Range per raggiungere il Monte Kinabalu. Alla notizia, sbarrai gli occhi! Una Vespa gli chiesi? In Borneo? Si, bianca e rombante mi rispose. Il giorno seguente, su sue indicazioni, mi diressi in città, dove mi incontrai con questa simpaticissima guida locale, il quale mi ha subito messo a disposizione una Vespa Piaggio LX 150, nuova di zecca. Da non crederci, ero felicissimo all’ idea che tra pochi minuti avrei potuto esplorare il Borneo su due ruote! Un italiano, in Borneo, in sella ad una Vespa..non aggiungo altro!

Casco in testa, zaino in spalla e mappa alla mano sono partito in direzione del Monte Kinabalu, il più alto massiccio del sud est asiatico con un altezza pari a 4,095 metri. Onnipresente, il monte Kinabalu lo si scorge in svariati angoli della città quasi a far da sentinella. Lo spettacolo è indescrivibile. Credenze locali vogliono il monte come luogo di eterno riposo dei defunti. Dopo circa 30 minuti di strada attraversando piccoli villaggi e comunità rurali mi fermai per fare rifornimento. Al benzinaio, la famiglia che stava rifornendo il loro mezzo di fianco a me, mi chiese subito la mia provenienza e con un timido sorriso se potevano scattare una foto alla Vespa. Scesero in 4 dall’automobile per poterla immortalare.

Sosta per consultare la mappa del Sabah
Breve sosta per consultare la mappa stradale @ foto di Marco Z.

Il mio viaggio proseguì ed in pochi minuti arrivai alle pendici del monte ed è qui che cominciò la mia vera avventura. L’atmosfera è selvaggia, la natura è sovrana, la vegetazione è fitta, di un verde rigoglioso e la temperatura e’ mite. Inizia la salita. La Vespa si rivelerà essere perfetta per questo tipo di strada di montagna.

Pagina successiva →

Autore
Discussione
  • Ciao Marco mi piacerebbe tradurre il tuo articolo all’inglese e pubblicarlo online sul mio sito, fammi sapere se me lo consenti grazie. Thomas