Belum, waterfall camp base Enam

All'interno dell'antica foresta vergine primaria

foto © 2012
Belum, Campo base Enam

Il "campo base" dove fare riferimento durante le escursioni nella riserva forestale

foto © 2012
Belum, Temengor lake

La foresta si apre sul lago artificiale di Temengor

foto © 2013
Belum, felci

Particolare della vegetazione tropicale di Belum con alcune felci in evidenza

foto © 2013
Belum, Rafflesie

Raro esemplare doppio di Rafflesia nella foresta tropicale di Belum

foto © 2013
Belum, Villaggio Orang Asli

Alcune capanne dei negritos di Belum-Temengor

foto © 2012

Il Royal Belum State Park fa parte della riserva forestale chiamata Belum-Temenggor Forest Reserve. Situata nello stato malesiano del Perak, la riserva forestale è la più ampia per estensione contigua (1175 km quadrati), e confina con la Thailandia meridionale a Nord. La zona su cui si estende il parco è prevalentemente disabitata e il centro urbano più vicino è il villaggio di Gerik; è bagnato in parte da un lago artificale omonimo “Temengor”. L’area ha ricevuto lo status di parco nazionale protetto nel 31 luglio 2003, per decreto del sultano del Perak. Si ritiene che la foresta di Belum-Temengor si antica almeno 130 milioni di anni, rendendola una delle più vecchie al mondo, persino più antica delle foreste amazzoniche o di quelle del Congo, assieme a quella compresa nel Taman Negara e la giungla primaria del Borneo.

Fauna

È una delle poche foreste al mondo dove si trovano esemplari di mammiferi rari come il rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis), la tigre malese (Panthera tigris jacksoni), l’orso malese (Helarctos malayanu) conosciuto anche come Sunbear, il gibbone albino, l’elefante asiatico (Elephas maximus) e il tapiro malese (Tapirus indicus).

Grazie all’intervento congiunto di WWF, Università malesi e del centro di ricerca privato Rainforest, la riserva è luogo di studio e protezione per i circa 14 mammiferi minacciati dall’estinzione oltre ad almeno 3.000 specie di piante rare.

Il Belum Royal Park è anche la foresta dove si trovano 10 specie di buceri cd. “hornbill” (per via del loro “corno” posizionato sopra il becco) e la specie più rara del suo genere chiamata Rhyticeros subruficollis.

Infine, il lago artificiale di Temengor ospita 23 specie di pesci d’acqua dolce e 5 specie di tartarughe, oltre alle specie acquatiche ed anfibie che popolano i piccoli torrenti e corsi d’acqua che attraversano la foresta.

Flora

La foresta pluviale di Belum-Temengor è patria di oltre 3.000 specie di piante, di cui 3 specie della famosa rafflesia, il più grande fiore al mondo. Inoltre ci sono circa 64 specie di felci uniche e 62 specie di muschi.

Belum può contenere molti segreti scientifici e botanici con la sua abbondanza di erbe medicinali e piante che sono stati raccolti e utilizzati dai nativi Orang Asli (la popolazione aborigena malese) per generazioni.

Molti alberi della foresta fanno parte della famiglia delle Dipterocarpaceae come Meranti, Cengal, Keruing e Merbau.

Orang Asli

La foresta è ancora abitata da circa 1400 nativi raggruppati comunemente col nome Orang Asli (che letteralmente in lingua malay traduce “popolo originario” ossia “aborigeno”). Ricerche e studi hanno evidenziato che i membri dell’etnia della popolazione che vive attorno a Belum questa etnia, è costituita dai cosiddetti negritos, ossia i discendenti dei coloni della prima migrazione dall’Africa in Asia (cd. proto-australoidi), avvenuta millenni or sono. Gli orang asli nel loro complesso, oggi, rappresentano meno dell’1% della popolazione malese attuale e vivono perlopiù in villaggi in aree rurali o in zone forestali.

Diversi villaggi di orang asli si trovano a Belum e alcuni sono visitabili dai viaggiatori di passaggio. Si tratta di persone molto cordiali e gentili, ma che, seppur abituati ormai a vedere stranieri in visita, rimangono a volte abbastanza timidi. Oggi le comunità orang asli vivono perlopiù di pesca, raccolta locale e piccole attività di commercio – i loro scambi con l’esterno riguardano perlopiù materiali rinvenibili dalla foresta stessa come sale, metalli, legno, bambù, resine, miele, erbe.

Lago Temenggor

La foresta abbraccia il Lago Temengor, il secondo lago più grande in Malesia peninsulare dopo il lago Kenyir. Il Temengor è, come il lago Kenyir, un lago artificiale utilizzato per la vicina centrale idroelettrica. Gode tuttavia della presenza di una varietà di specie di pesci d’ acqua dolce locali tra cui il Kelah, il Toman, Sebarau, Tenggalan e Baung. La pesca è consentita e anzi rappresenta una meta ideale per pescatori che possono utilizzare barche o houseboat per perscare oppure utilizzare le strutture in uno degli isolotti presenti del lago (un tempo cime di collinette).

Visitare il Parco Nazionale di Belum – Temenggor

Per entrare nel parco occorre un permesso ottenibile dalla direzione del parco stesso, con anticipo, e dove poi occorre registrarsi. Ci sono permessi speciali per condurre ricerche scientifiche, ma normalmente per visite turistiche è necessario essere accompagnati dalle guide autorizzate.

È consigliabile dotarsi di un abbigliamento adeguato, adatto ad un clima di foresta tropicale, nonché calzature idonee. Preferibile avere con sé dei repellenti per insetti e zanzare, una torcia elettrica per la notte, eventualmente un kit di pronto soccorso (anche se normalmente il personale del parco ne è ovviamente provvisto). Consigliabile anche avere con sé un impermeabile, al di là della stagione di visita.

Possibili attività all’interno del parco sono: camping, nuoto nei corsi d’acqua, canottaggio, trekking nella giungla, bird watching, visita ai villaggi di orang asli. I percorsi da trekking sono diversi ma perlopiù di breve durata, da 20 minuti a 1 ora e idonei a tutti.

Come raggiungere Belum – Temenggor

Il parco nazionale si può raggiungere solamente tramite strada, non ci sono aeroporti o ferrovie nelle vicinanze. Da George Town (Penang) la percorrenza in auto è di circa 3 ore di tragitto; similmente verso Kota Bahru. Da Kuala Lumpur ci si impiega circa 6 ore.

Ti potrebbe interessare
Discussione