Tioman

Tramonto sull'isola dalle spiagge dorate

foto © 2012
Tioman

Veduta dell'isola con le sue spiagge dorate

foto CC BY 2008
Kampung Air Batang a Tioman

foto CC BY-SA 2011
Isola di Tioman

Le spiagge gialle di Tioman Island

foto © 2012
Kampung Air Batang, Tioman

foto CC BY-SA 2011
Pulau Tioman

foto © 2012

Tioman è un’isola della Malesia che si trova al largo della costa orientale dello stato del Johor, e a sud di Pahang. Geograficamente, non è troppo distante da Singapore. Fa parte di un parco marino assieme alle isole minori che la circondano: Renggis, Sepoi, Labas, Soyah, Chebeh, Tulai, Sembilang e Seri Buat.

 

Storia

L’isola per decenni è stata usata da pescatori dell’area quale punto di sosta, dove far rifornimento di acqua dolce, legname, frutta e altri viveri di prima necessità, prima di rientrare in terraferma. Anche diversi mercantili vi si fermavano, dalla Cina, dalla Penisola Araba o dall’Europa.

Tioman ha visto sul proprio suolo truppe inglesi e giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale. Le acque attorno all’isola conservano nei propri fondali due navi da guerra inglesi affondate dall’esercito del Sol Levante (HMS Repulse e HMS Prince of Wales).

Oggi, l’isola di Tioman è una meta turistica ambita per chi ama il mare, la natura e fare immersioni.

 

Caratteristiche

Tioman è lunga circa 39 km e larga circa 12, la sua origine geologica è di tipo vulcanico. Lungo le sue coste sorgono 8 villaggi principali (Il più grande è Kampung Tekek), oltre a resort e strutture ricettive turistiche, ma la popolazione complessiva residente è inferiore alle 500 unità. Al suo centro vi è una grande foresta di 8,2 ettari, sede di diverse specie protette di mammiferi e uccelli, tra cui scoiattoli volanti, macachi, porcospini, nonché il piccolo viverride detto “binturong” o  anche “orso-gatto”, specie esistente solo in alcuni paesi del Sud Est Asiatico. Tra le specie ittiche più singolari c’è anche una specie di pesce gatto in grado di “camminare”.

Molte delle spiagge dell’isola ospitano nidi di “sand flies”, o pulci della sabbia (flebotomi), di dimensioni anche più piccole di una zanzara, ma piuttosto aggressive e il cui morso può provocare reazioni allergiche. Per proteggersi valgono espedienti simili a quelli contro le zanzare.

Nella mappa sottostante sono indicate le località principali dell’isola:

Mappa di Tioman
Mappa dell’isola con i punti principali

Villaggi e località di Tioman

Per giungere le diverse spiaggie dell’isola o i suoi villaggi (kampung in malese), si può fare del trekking oppure utilizzare le piccole imbarcazioni dei locali come taxi. L’unico bancomat (ATM) dell’isola è vicino al molo di Tekek, anche se la maggior parte degli alberghi più grossi accettano valute straniere (anche se a tassi di cambio talvolta più elevati). Internet è generalmente disponibile nelle strutture alberghiere. L’isola è duty free e vi sono negozi dove acquistare beni ed alcolici esentasse.

Ci sono piccole cliniche in Tekek, Paya e Genting. Alcuni negozi fanno da farmacie per alleviare disturbi generali e piccoli medicamenti.

Salang

C’è una piccola laguna di acqua dolce in questo villaggio, dove sono presenti alcuni negozietti e altre amenità. Molte famiglie, anche malesi, vengono qui. A nord la spiaggia è più rocciosa e meno adatta per la balneabilità, mentre a sud è più sabbiosa.

Panuba

Scendendo da Salang si arriva a Panuba, dove sorge un resort omonimo, con spiaggia privata sabbiosa.

Ayer Batang (o Air Batang)

Conosciuto comunemente tra i locali come ABC (Air Batang Chalets), ospita molti bungalow che si dispiegano lungo la costa sabbiosa, alternati da alcuni negozietti e ristorantini.

Kampung Tekek

È il villaggio più grande e il punto di arrivo per chi proviene via aerea (l’aeroporto è vicino) o, spesso, via marittima. Sono presenti alcuni resort, negozi, nonché mezzi di trasporto per dirigersi in altre parti dell’isola, tra cui 4WD per attraversare la giungla e recarsi a Juara, dall’altra parte.

Lalang

Si tratta di un gruppo di case sparse a ridosso del resort Berjaya ubicato a fianco. Qui vicino sorge anche un campo da golf.

Paya

Un piccolo villaggio tra la costa e una laguna, con una piccola spiaggia (può rivelarsi affollata nei fine settimana); qui ci sono dei coralli ed è un buon punto per snorkeling, specie andando a nord, in prossimità di un isolotto-scogliera.

Kampung Genting

Il villaggio sorge alle ridosso di una spiaggia dalle sabbie gialle e a ridosso di una collina verde. Sono presenti qualche negozio, caffé, ristorantini, chalet… Attraversarlo tutto a piedi richiede una mezzoretta, congiungendo il resort di Paya, passando per quello di Melina, con Kampung Lanting.

Kampung Lanting

Un altro villaggio; qui ha sede il resort Japamala, uno dei più grossi dell’isola (normalmente sull’isola non ci sono edifici alti più di 3 piani comunque), dotato anche di una spa e spiaggia privata.

Nipah

La località è contraddistinta da un’atmosfera backpacker e difatti sorgono qui alcuni alloggi budget per questa categoria. Si tratta di una zona comunque piuttosto tranquilla, con una spiaggia e una laguna. È possibile recarsi a fare trekking nella giungla partendo da qui, verso Mount Kajang, la sommità più alta dell’isola.

Minang

Ci sono due baie private qui, circondate dalla giungla, di cui una raggiungibile via barca. Si tratta di una zona piuttosto incontaminata dell’isola, con acqua cristallina e con strutture turistiche piuttosto discrete.

Kampung Mukut

Un villaggio di pescatori nella punta meridionale dell’isola, incastonato tra colline e il verde della foresta. Trovandosi all’estremità è piuttosto tranquillo, con chalet e altre strutture ricettive per chi intendesse fermarsi. Ci sono animali, una cascata a 45 minuti di cammino, è possibile fare trekking sui monti vicini oppure snorkeling in acqua.

Kampung Juara

Si tratta dell’unico villaggio esistente dall’altra parte (orientale) dell’isola ed ospita una delle spiagge migliori, che si affaccia direttamente sul Mar Cinese. Ci sono strutture e chalet dove poter pernottare; lagune, animali da vedere, giungla circostante da esplorare, cascate. Per raggiungere questo punto occorre noleggiare imbarcazioni private oppure fare un’escursione da Tekek (7km) a piedi nella giungla oppure a bordo di mezzi su ruota.

 

Arrivare a Tioman

L’isola è dotata di un piccolo aeroporto servito dalla compagnia aerea locale Berjaya Air, società a cui fanno capo anche dei resort, tra cui uno collocato proprio nell’Isola di Tioman. I collegamenti sono con l’aeroporto Selatar di Singapore e l’aeroporto Sultan Abdul Aziz Shah di Kuala Lumpur.

Alternativamente, è possibile raggiungere Tioman via terra tramite il porticciolo del villaggio di Mersing o da Tanjung Gemok (non distante) o Kuala Rompin (Pahang). Per giungere a Mersing vi sono bus e trasporti da Johor Baru, Singapore o Kuala Lumpur.

Il periodo per visitare l’isola è da marzo a settembre, l’isola non chiude al turismo negli altri mesi (da ottobre a febbraio), ma i monsoni possono occasionalmente impedire il trasporto passeggeri e la maggior parte dei resort e strutture alberghiere chiudono in questo periodo.

Ti potrebbe interessare
Discussione
  • Riccardo Pasotti

    Ciao. Sulle pulci di mare ho letto in molti post. È così pieno?