Pulau Manukan

Tunku Abdul Rahman National Park

foto
Pulau Manukan

Tunku Abdul Rahman National Park

foto CC BY 2007
Pulau Mamutik

Tunku Abdul Rahman National Park

foto CC BY-ND 2011
Pulau Sapi

Tunku Abdul Rahman National Park

foto CC BY-ND 2011
Marine Park Tunku Abdul Rhaman, isola di Sapi

La piccola isola di Sapi fotografata dall'isola di Manukan

foto © 2010
Marine Park Tunku Abdul Rhaman, Gaya island

Gaya island fotografata dall'isola di Manukan

foto © 2010
Marine Park Tunku Abdul Rhaman, isola di Sapi

foto © 2010

A soli 20 minuti di barca da Kota Kinabalu, la capitale dello stato del Sabah (Borneo nord-orientale malese), si trovano le 5 isole del Parco Marino Tunku Abdul Rahman. Si tratta di un’oasi naturale che copre una superficie totale di circa 50 kmq.

Pulau Gaya è l’isola più grande del parco e la più vicina a Kota Kinabalu. Ricoperta da una foresta tropicale intatta, al suo interno si diramano sentieri tracciati per escursioni per circa 20 km. Nell’isola sono presenti anche alloggi e resort.

Pulau Manukan è la seconda isola del gruppo per dimensioni ed è quasi interamente ricoperta di fitta vegetazione. Intorno al perimetro dell’isola si possono trovare sentieri tracciati per le passeggiate. La varietà di pesci tropicali è sempre ampia e molti si possono vedere semplicemente sporgendosi dal molo (è meglio non dare loro da mangiare, per non disturbarne l’ecosistema).

Le altre isole del Parco sono Pulau Sapi, Pulau Mamutik e Pulau Sulug, quest’ultima è la più piccola isola del parco ed è anche la meno visitata.

Il Parco Marino di Kota Kinabalu è ottimo per un’escursione giornaliera partendo da Kota Kinabalu, dal momento che è facilmente raggiungibile e offre un’esperienza naturale che non ha un sapore troppo turistico. La presenza di qualche resort sulle isole non disturba la naturalità del posto e le strutture presenti sono tutto sommate poche e controllate. Le cinque isole del Parco Marino sono caratterizzate da acque poco profonde e con poca corrente, consentendo a giardini di corallo di svilupparsi, rendendo il luogo un posto ideale per subacquei alle prime armi o per fare snorkeling. I numerosi pesci tropicali e le diverse creature marine rare in cui è possibile imbattersi di tanto in tanto, lo rendono anche un luogo d’immersione interessante per i subacquei esperti e fotografi subacquei. Il fondale è infatti frequentato da specie come il pesce scorpionerazze, la tartaruga embricataseppiecanocchie. In alcune zone, creature rare come l’ Harlequin Ghost Pipe Fish e il Mandarin Fish si possono trovare in particolare con l’aiuto di guide subacquee locali. Durante i mesi più freddi da Novembre a Febbraio, l’alta densità di plancton attira animali di grosse dimensioni come lo squalo balena, uno dei pesci più grandi al mondo.

Per immergersi nel parco marino è necessario contattare uno dei centri di immersione locali con sede a Kota Kinabalu, che offrono anche una serie completa di corsi certificati PADI (Professional Association of Diving Instructors) che vanno dal Discover Scuba fino a Instructor.

 

Come arrivare nel parco

Il Tunku Abdul Rahman Park è aperto tutti i giorni dalle 08:30 alle 17:00 ed è raggiungibile con 15-20 minuti di motoscafo da Kota Kinabalu. Il punto di partenza e di arrivo delle barche si trova al terminal dei traghetti a Jesselton Point, situato vicino al centro commerciale Suria Sabah. Il trasferimento costa circa 23 RM andata e ritorno per una singola isola, ma è possibile scegliere anche un viaggio “multi-isola” che permette di visitare 3 isole al costo di 38 RM. Sull’isola di Gaya e Manukan è anche possibile dormire mentre Sapi è ideale per gli amanti della tranquillità e dello snorkeling ma non vi si può pernottare, è comunque da vedere se si ha una giornata libera.

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito web dell Ente del Turismo del Sabah a questo indirizzo: http://www.sabahtourism.com/sabah-malaysian-borneo/en/destination

Ti potrebbe interessare
Discussione