di

← Pagina precedente Pagina successiva →

3) Tragulo (mouse deer)

Mouse deer @ Wikipedia
Mouse deer @ Wikipedia

Avete mai sentito parlare del cervo topo? Bene il suo vero nome è Tragulo e deriva dalla parola greca ”Tragos” capra e dal latino ”Ulus”’ piccolo. Non fatevi ingannare dai termini topo o cervo, questi appellativi si riferiscono solo al suo aspetto. Il Tragulo vive in zone umide e paludose sia nel Borneo che nella penisola Malese. Il tragulo era la preda principale degli indigeni ma oggigiorno alcune famiglie nei villaggi del Borneo li tengono a casa come animali da compagnia.

I locali lo definiscono come un animale molto furbo e coraggioso. Le sue dimensioni consentono al Tragulo di scattare velocemente e in più sono muniti di canini allungati impiegati nei combattimenti.

Il loro habitat naturale gli consente di mimetizzarsi con successo, e sfruttano la loro straordinaria affinità con l’acqua, rimanendo spesso immersi per diverse ore allo scopo di eludere predatori o altri intrusi.

4) Insetto foglia

 

Leaf insect @ Wikimedia
Leaf insect @ Wikimedia

Il nome stesso svela la sua unicità – si tratta di un insetto dall’ esatta somiglianza ad una foglia anche nei dettagli più microscopici.

La sua difesa dai predatori consiste non solo nel suo aspetto, ma nellla capacità di ingannare il nemico anche nel movimento ondulatorio in tutto e per tutto simile ad una foglia spostata dal vento. 

Indovinate chi è stato il primo ricercatore occidentale a descriverlo e studiarlo?. Si tratta dell’eroico esploratore, Antonio Pigafetta, il primo assistente di Magellano.

Queste sono le sue parole citate nel suo diario di viaggio:

”In quest’isola trovansi pure certi alberi, le cui foglie, quando cadono, sono animate, e camminano: somigliano alle foglie del gelso, ma non sono sì lunghe, hanno il picciuolo corto e appuntato e presso al picciuolo hanno da una parte e dall’altra come due piedi. Se si toccano, fuggono; ma stacciandole non danno sangue”

Potete immaginarvi la sorpresa per Pigafetta, che si trovava in queste foreste nel ‘500 e vedeva delle foglie muoversi come se animate.

← Pagina precedente Pagina successiva →

Autore
Discussione