di

← Pagina precedente

Nonostante ci troviamo nella stagione dei monsoni, riusciamo a passare tre bellissime giornate perché, salvo qualche acquazzone, riusciamo a vedere tutto quello che ci aspettavamo e forse anche di più. Si esce quattro volte in barca con la guida che, come in un safari, cerca di scorgere nella fitta vegetazione gli animali. Si percorre il fiume, largo circa cento metri in questa zona, e piccoli affluenti. Avvistiamo buceri, molte scimmie dalla proboscide, un serpente, coccodrilli ma il top è un branco di circa trenta elefanti pigmei (si fa per dire) del Borneo.

 

DSC01350
Scimmia nasica @ foto di Marco S.

 

La ricerca dei pachidermi dura un po’ ma alla fine veniamo premiati. Seguiamo il branco fino a quando non attraversa un affluente. Con la barca dobbiamo allontanarci un po’ altrimenti il capobranco, non gradendo la nostra presenza, non passa. L’attraversamento a nuoto degli elefanti è spettacolare. Avevamo fatto dei safari in Kenya, Nambia e Tanzania ma mai con la barca e mai in assoluta solitudine: bellissimo.

 

Branco di elefanti del Borneo
Branco di elefanti del Borneo @ foto di Marco S.

 

La sera della vigilia di Natale lo staff ci prepara una squisita cena a base di gamberi. Ci aspetta un’ultima uscita notturna. A pochi minuti dal Lodge ammiriamo il ”fireflies tree” ovvero l’albero delle lucciole che a centinaia illuminano la notte, raccolte tutte intorno alla loro pianta preferita. È la ciliegina sulla torta.

 

Navigazione serale del fiume Kinabatangan
Navigazione del fiume Kinabatangan @ foto di Marco S.

 

Il mattino dopo si riparte per le prossime destinazioni con la convinzione che nel Borneo dovremmo tornarci magari abbinando un po’ di mare per visitare tutto ciò che non abbiamo visto.

← Pagina precedente

Autore
Discussione