di
fullsizeoutput_b1c

Quando lavoriamo nel settore del turismo, una delle prime cose che impariamo è che esistono diversi profili di turisti e tutti con aspettative diverse.

In questo contesto, la Malesia rappresenta una destinazione ideale, per soddisfare sia gli amanti di vacanze rilassanti, naturalistiche o culturali.

In questo articolo, parleremo di quest’ultima categoria di viaggiatore (i puristi culturali) e cosa la Malesia può offrirgli.

Malacca

La città di Malacca o Melaka in malese, rappresenta uno dei più importanti siti storici del paese. Il suo centro storico è stato riconosciuto patrimonio mondiale DALL’UNESCO nel 2008.

Nel corso della storia, diverse potenze coloniali si sono succedute nella città: portoghesi, olandesi e infine gli inglesi, hanno tutti lasciato la loro impronta.

Visitare Malacca rappresenta oggi un vero viaggio nel tempo che vi porterà alla scoperta di un’incredibile storia. Cominciando con la visita dalla piazza olandese Stadhuys e la sua chiesa di San Pietro prima di salire sulla collina di San Paolo dove giacciono le rovine dell’omonima chiesa e proseguire poi verso la Porta di Santiago, ultimo bastione rimasto dell’antica fortezza portoghese  “A Famosa” distrutta dagli Inglesi.

  

La città è stata anche una delle basi dell’ammiraglio cinese Zheng He, e fu uno dei primi siti del Sud Est Asiatico ad avere una popolazione immigrata cinese, che ha poi dato origine alla cultura locale peranakan o baba nyonya che rappresenta una fusione etnica, linguistica, religiosa e culturale tra la Cina e la Malesia.

I “baba” sono gli uomini e le “Nyonya”, le donne. Malacca è uno dei luoghi più rappresentativi di questa cultura unica.

Per lungo tempo la città è stato il passaggio marittimo più frequentato al mondo, lo stretto che porta ancora oggi il nome di Stretto di Malacca  aveva un importantissimo ruolo nel controllo dei traffici commerciali fino allo sviluppo di Singapore.

 

George Town

L’isola di Penang può essere raggiunta in macchina grazie ai due ponti più lunghi del paese che la collegano alla penisola.

L’isola è famosa  soprattutto  grazie alla sua capitale, George Town. Antico centro durante il periodo coloniale britannico, il suo centro storico è oggi riconosciuto e protetto DALL’UNESCO.

Oltre alla sua storia, la città di George Town rappresenta oggi un posto affascinante per la  street art. Tutto comincia nel 2012 quando un giovane artista lituano, Ernest Zacharevic, inizia a decorare, durante il festival annuale di George Town, i muri della città con opere d’arte destinate principalmente a ridare vita agli edifici storici in disuso. Oggi, numerosi sono gli artisti ad avere lasciato nella città opere di street art, rendendo la città moderna e ancora più interessante.

Durante la vostra visita di George Town, dovete assolutamente andare a scoprire il tempio Kek Lok Si, più grande sito buddista nel Sud Est Asiatico.

Ipoh

La città di Ipoh, capitale dello stato del Perak, rappresenta una sosta molta interessante per quello che riguardo la sua storia.

Lo sviluppo di Ipoh è dovuto ai britannici e più precisamente alla scoperta di giacimenti di ferro, bene prezioso per l’epoca. Ipoh è riuscito a preservare la sua architettura coloniale, ciò che rende la sua visita molto interessante.

Un aneddoto: Ipoh è stato uno dei luoghi dove hanno girato il film ”Indochine”, principalmente nella sua stazione !

Autore
Discussione